27 Settembre 2020

11a Giornata: Caldiero Terme -Cjarlins Muzane 0 - 1

01-11-2019 23:50 - I tabellini della stagione 2019-2020
Caldiero Terme: Anderloni, Baschirotto, Baldani (37′ st Vanzetta), Martone (30′ st Laperni), Colman Castro, Dall'Ara, Zerbato, Negri (30′ st Filiciotto), Ferretti, Viviani (40′ st Brunazzi), Santi. All: Soave.
Cjarlins Muzane: Sourdis, Zuliani, Facchinutti, Tobanelli, Fabbro, Dussi (30′ st Kabine), Zigon (13′ st Longato), Pez, Spetic (39′ st Migliorini), Tonizzo , Bussi. All: Moras
Arbitro: Zambetti di Lovere.
Rete: 24′ st Tobanelli (Cjarlins).
Caldiero. Seconda sconfitta consecutiva per il Caldiero che cade in casa contro il Cjarlins Muzane. Se il rovescio contro il Delta Porto Tolle era stato frutto di una prestazione opaca, episodi sfavorevoli a parte, quella contro i friulani si puo' addebitare solo alla malasorte.Il Caldiero non risolve ancora il problema del gol ma contro una delle squadra più prolifiche del campionato riduce a zero i pericoli e crea tante opportunità. Si dice che nel calcio la fortuna non esista, ma il Caldiero di ieri è decisamente in credito con la buonasorte. Contro i friulani, squadra bene organizzata e dalla buone individualità, il Caldiero soffre il primo quarto d'ora, concede una palla gol importante a Dussi che di sinistro calcia sul fondo da buona posizione, poi è il Caldiero a prendere in mano le redini del gioco e ad impostare azioni su azioni.
Clamorosa la parata di Sourdis sul colpo di testa di Ferretti al 40', ma è nel complesso il Caldiero a destare le sensazioni migliori. Santi e Ferretti hanno fisico e centimetri e quando il centrocampo con Negri e Martone accorcia in avanti il Cjarlins non è più in grado di uscire dal proprio guscio difensivo. Al 45′ quindi anche Santi tenta l'incornata ma la palla termina alta sopra la traversa. Rotti gli indugi, il Caldiero cresce ulteriormente nella ripresa.
Al 9′ proprio Santi e Ferretti dialogano all'interno dell'area di rigore. L'attaccante argentino però sciupa davanti al portiere. Il Cjarlins sembra un pugile alle corde ma invece su un calcio piazzato ribalta l'inerzia del match. Calcio di punizione movimentato, che Tobanelli al secondo tentativo scarica in rete con Colman Castro a terra nell'area termale. Lo 0 a 1 apre ad uno scenario imprevisto. Il Caldiero aumenta il ritmo. Il finale è un continuo susseguirsi di assalti. Viene murato Colman di testa, Santi colpisce una traversa su calcio piazzato ed anche la frustata di Brunazzi viene respinta dal miracolo dell'estremo ospite Sourdis. A queste però si aggiunge anche un episodio da moviola. Sugli sviluppi di un corner Ferretti appoggia a Colman il comodo gol del pareggio. Un' esultanza strozzata al minuto 89′ per un fuorigioco dubbio e smentito anche dalle immagini. Una beffa in piena zona Cesarini che condanna il Caldiero alla sconfitta. Domenica prossima di nuovo in campo contro il San Luigi fanalino di coda. L'imperativo è riprendere il cammino.
E nella ripresa non cambia il copione. Passa solo un minuto e i termali hanno già la palla buona. Zerbato allunga per Vivani defilato sulla destra, cross pennellato per Santi e l'attaccante non inquadra lo specchio della porta. È sempre il Caldero a fare la partita e a sciupare la più bella occasione della gara. Santi riesce a far filtrare la palla alle spalle della retroguardia ospite, Ferretti tutto solo davanti al portiere del Cjarlins chiude troppo in diagonale.Calcio crudele che non si smentisce. Il Cjarlins batte una punizione dalla laterale di destra con Tonizzo, la palla carambola sui piedi di Tobanelli che prova la devizione, ma il pallone colpisce il volto di Colman Castro e ricade ancora sui piedi del centrale del Cjarlins che quasi con la punta beffa Anderloni. È una botta tremenda, ma il Caldiero non si arrende. Colman Castro svetta sull'angolo di Viviani, ma la palla toccata da un difensore sorvola di un nulla la traversa. Soave ridisegna la squadra, cercando di dare più corsa al centrocampo e peso all'attacco. Santi su punizione scuote la traversa del Muzane, poi Colman Castro la mette dentro ma l'assistente segnala un dubbio fuorigioco di Ferretti. È un episodio importante perché le immagini televisive confermeranno la posizione regolare di Ferretti al momento dell'assist. E infine a dire di no al Caldiero in pieno recupero è il giovane portiere Sourdis. L'estremo friulano è monumentale sull'incornata aerea di Brunazzi a colpo sicuro. Resta l'amarezza, ma la consapevolezza di una buona prestazione.



Fonte: Giorgio Verzini
video
La sintesi del match non è più disponibile, in quanto la società non la autorizza.
g

Realizzazione siti web www.sitoper.it